piramide alimCourtesy of CrossFit Inc.

Esiste una gerarchia per lo sviluppo di un atleta, alla base della piramide si trova l’alimentazione seguita dal condizionamento metabolico dalla ginnastica dal sollevamento pesi e infine dallo sport. Una carenza in uno qualsiasi dei livelli avrà effetti negativi sui componenti della piramide che si trovano più in alto. L’alimentazione quindi ricopre un ruolo fondamentale e può amplificare o diminuire l’effetto dei propri sforzi. Dimenticate le diete troppo sbilanciate sia quelle iperproteiche che quelle ad alto contenuto di carboidrati  e con pochi grassi, un alimentazione salutare ha i macronutrienti bilanciati.

La Dieta a Zona offre la miglior precisione ed efficacia con un protocollo ben definito che tutti conoscete, 40-30-30. La Dieta a Zona permette di gestire al meglio il controllo del glucosio nel sangue , le corrette proporzioni dei macronutrienti e la restrizioni caloriche, tre parametri fondamentali per la prevenzione di malattie, per migliorare le prestazioni atletiche e la composizione corporea.

La Dieta a Zona potrebbe cambiare radicalmente il tuo approccio al cibo e non sarà facile all’inizio, potresti iniziare a cambiare la tua alimentazione controllando semplicemente l’indice glicemico degli alimenti preferendo quelli a basso indice glicemico e seguendo almeno per 80% delle volte che mangi questa semplice regola:

“Mangia carne (pesce e uova) e verdure, semi e noci, un po’ di frutta pochi amidi e niente zucchero.”

Sentirai subito il beneficio e otterrai risultati insperati sia estetici che nelle prestazioni.